Porta San Frediano

Informazioni

Porta San Frediano

 

 

 

La porta San Frediano, iniziata intorno alla fine del 1200, appartiene alla terza cinta muraria che circondava Firenze. Tra le porte coeve è sicuramente quella in migliore stato di conservazione. La sua costruzione è databile attorno al 1334 ed è attribuita ad Andrea Pisano che in quegli stessi anni collaborava ai lavori per la costruzione del Campanile di Giotto e alla prima porta bronzea del Battistero.
Essendo collocata sull’asse sud della città e quindi particolarmente esposta agli attacchi esterni delle vicine Livorno e Siena, il Pisano pensò di dotarla di una antiporta in modo tale da renderla più robusta. Come Porta Romana, anche Porta San Frediano mantiene ancora intatti gli antichi battenti in ferro e i massicci chiodi che ne rinforzavano la struttura.

Cultura

Oltre l’Arno. Sulla riva sinistra del fiume si estende un quartiere dalla forte identità culturale. Non solo chiese, conventi, musei, giardini, gallerie, tabernacoli, ma strade, piazze e luoghi dove la storia e la cultura di un popolo vanno in scena ogni giorno. Passeggiare lungo le vie dell’Oltrarno rappresenta un’esperienza tanto quanto visitare le sue chiese o ammirare le straordinarie collezioni conservate nei musei. Un patrimonio culturale unico per Firenze e sempre a disposizione di chiunque voglia conoscerlo.